L’aderenza regolare ai loro DOAC è essenziale per prevenire il rischio di ictus e sanguinamento

12
May

L’aderenza regolare ai loro DOAC è essenziale per prevenire il rischio di ictus e sanguinamento

Litmus raccoglie i dati generati dagli utenti da dispositivi indossabili, sensori e altri dispositivi di monitoraggio della salute per monitorare continuamente i dati e guidare le sperimentazioni tramite app e tecnologie mediche. L’azienda afferma che la sua tecnologia rende il processo di test e la pipeline di sviluppo dei farmaci veloce ed efficiente.

Daphne Kis, co-fondatrice e CEO di Litmus Health, ha citato sottilmente l’apparente avversione dell’amministrazione Trump alla ricerca scientifica come causa di questa azione, affermando:

"In un momento in cui il budget dei NIH è in pericolo e le sovvenzioni pubbliche sono sotto assedio, le risorse di cui gli accademici hanno bisogno per condurre la ricerca sono più difficili da reperire che mai. Siamo lieti di rendere la nostra piattaforma disponibile ai ricercatori del mondo accademico a costo zero."

Litmus Free renderà facile l’acquisizione e la gestione dei dati, ma solo per studi e prove non commerciali. I ricercatori possono richiedere l’accesso ora. Se selezionati, avranno accesso a una gamma di prodotti della suite Litmus, tra cui la libreria ePro, l’integrazione di dispositivi e sensori, app mobili e il nuovo Study Hub, che tiene traccia "i progressi di ogni studio e le tendenze a livello di popolazione." Riceveranno inoltre fino a 100 registrazioni, 18 mesi di utilizzo continuo e un terabyte di archiviazione dati.

L’accesso a queste risorse dovrebbe essere particolarmente interessante per i membri della facoltà e i professori in ambito accademico che pubblicano nello spazio sanitario mobile.

Questo articolo è originariamente apparso su iMedicalApps.com.

Le soluzioni digitali remote vengono sempre più utilizzate in ambito medico, dalla dermatologia alla medicina d’urgenza alla cura dell’ictus con comprovata soddisfazione, praticità e vantaggi in termini di costi senza compromettere i risultati clinici. Non solo la telemedicina può portare benefici al paziente e agli operatori sanitari, ma può anche aiutare i familiari e gli operatori sanitari.

Per i bambini, avere genitori impegnati nella cura è fondamentale. Ma a volte può essere difficile, in particolare per i bambini ricoverati in ospedale per periodi prolungati. I ricercatori hanno condotto uno studio proof-of-concept su queste situazioni nella PICU del Massachusetts General Hospital di Boston.

Ai genitori che non potevano stare con il loro bambino durante i turni ospedalieri è stato fornito un iPad con un’app che li poteva connettere con il personale ospedaliero in tempo reale durante i turni. Immediatamente dopo ogni sessione, i genitori, i medici e gli infermieri coinvolti nell’incontro virtuale sono stati invitati a completare un sondaggio sul livello di soddisfazione e interruzione.

Dei 153 sondaggi completati dopo 51 riunioni virtuali, i livelli mediani di soddisfazione e interruzione erano 10/10 (range 5-10) e 0/10 (range 0-5). Il 62% dei genitori ha riferito che il lavoro è la ragione per non essere in grado di frequentare fisicamente le visite ospedaliere, il 46% ha dovuto prendersi cura di altre persone a carico e il 31% ha segnalato difficoltà di trasporto. Sebbene solo 13 pazienti siano stati coinvolti in questo studio, il feedback sia dei pazienti che degli operatori sanitari ha chiaramente dimostrato che questa è un’alternativa fattibile e semplice per i genitori che vogliono essere coinvolti nonostante altre richieste.

La comunicazione digitale e remota con gli operatori sanitari dovrebbe essere offerta ai familiari dei pazienti che hanno limitazioni che impediscono loro di visitare l’ospedale su base regolare. Questo non dovrebbe essere limitato ai genitori dei pazienti in terapia intensiva, ma anche esteso ai familiari di altri pazienti critici. Ciò può ridurre il livello di stress tra i membri della famiglia, consentendo loro di apprendere e informarsi sullo stato dei loro cari e migliorare la continuità delle cure per il paziente.

Sebbene la telemedicina sia fattibile in questo contesto, ci sono molte considerazioni che dovrebbero essere prese in considerazione. Innanzitutto, il sistema di comunicazione remota deve essere sicuro per garantire la privacy di ogni sessione (ad esempio, conforme a HIPAA). In secondo luogo, problemi tecnici come la connettività e la qualità della connessione dovrebbero essere attentamente monitorati e risolti per evitare di scoraggiare gli utenti. Infine, il flusso di lavoro delle unità ospedaliere che forniscono telemedicina può richiedere ulteriore attenzione e pianificazione poiché gli orari dei membri della famiglia dovranno essere incorporati in base alla loro disponibilità a prendere la chiamata remota. Naturalmente, i criteri specifici per offrire questo servizio varieranno da ospedale a ospedale a seconda delle risorse disponibili, ma i criteri di inclusione di questo studio sono un punto di partenza ragionevole (la telemedicina è stata offerta ai genitori di pazienti che dovevano rimanere in terapia intensiva per almeno 48 ore).

Questo articolo è originariamente apparso su iMedicalApps.com.

Le aziende tecnologiche e le organizzazioni sanitarie avranno un momento più semplice nell’acquisto e nella vendita di tecnologia sanitaria grazie a una collaborazione tra Health 2.0 e la società di acquisti digitali Lucro chiamata MarketConnect Live.

Annunciato alla recente decima conferenza annuale di Health 2.0, MarketConnect Live è un "evento di matchmaking" Ciò renderà più rapido il processo degli acquirenti sanitari, come fornitori e aziende farmaceutiche, che ottengono risorse dai fornitori di tecnologia.

Secondo un comunicato stampa, ecco come funzionerà:

Acquirenti e venditori si registrano a MarketConnect Live Gli acquirenti ricevono un biglietto gratuito per la conferenza autunnale Health 2.0 e condividono le esigenze tecnologiche della propria organizzazione. I venditori acquistano un pacchetto di riunioni personalizzato I partecipanti possono migliorare la loro esperienza MarketConnect Live utilizzando la piattaforma digitale di Lucro per condividere le loro iniziative strategiche e saperne di più sulle potenziali soluzioni prima dell’evento Attraverso un rigoroso processo di valutazione, Health 2.0 abbina acquirenti e venditori in base agli interessi e al segmento di mercato , fase di crescita e rilevanza tecnologica

Cosa rende il processo di controllo "rigoroso" non è del tutto chiaro, ma è certamente un’idea nuova. Date le dimensioni e la portata del mercato della salute digitale, non è difficile immaginare che gli operatori sanitari potrebbero non aver mai sentito parlare di strumenti innovativi che potrebbero essere utili per loro. E sebbene questo servizio sia attualmente solo su invito, questo tipo di "match-making" potrebbe essere facilmente esteso a un pubblico più ampio tramite una piattaforma virtuale.

Questo articolo è originariamente apparso su iMedicalApps.com.

L’aderenza ai farmaci è un fattore importante nel determinare i risultati del paziente. I pazienti colpiti da ictus trattati con anticoagulanti orali diretti (DOAC) sono esempi perfetti di questo problema di aderenza. L’aderenza regolare ai loro DOAC è essenziale per prevenire il rischio di ictus e sanguinamento. In precedenza, abbiamo esaminato altre soluzioni creative per migliorare l’aderenza, inclusi i sensori ingeribili. Questa volta, stiamo esaminando il concetto di terapia osservata direttamente che non si basa più sugli operatori sanitari che esaminano i video dei pazienti, ma dispone di capacità di intelligenza artificiale (AI) integrate.

In uno studio di 12 settimane, randomizzato, a gruppi paralleli, i ricercatori hanno testato l’effetto di un’app abilitata per AI, AiCure, sull’aderenza al farmaco in 28 pazienti con ictus ischemico (20 pazienti erano in DOAC inclusi dabigatran, rivaroxaban e apixaban; 8 erano su warfarin). AiCure fornisce ai pazienti promemoria e informazioni sul dosaggio e può eseguire la terapia osservata direttamente attraverso il riconoscimento facciale conforme a HIPAA, l’identificazione automatica dei farmaci e la conferma dell’ingestione dei farmaci in tempo reale utilizzando uno smartphone.

Attraverso la conferma visiva, AiCure ha misurato l’aderenza complessiva nel gruppo AI pari al 90,5% (DS 7,5%); i test di concentrazione plasmatica standard del farmaco hanno indicato il 100% di aderenza nel gruppo AiCure, rispetto al 50% nel gruppo di controllo. I risultati di una sottoanalisi dei soli pazienti DOAC erano simili. L’aderenza cumulativa media sulla base della conferma visiva è stata del 90,1% (DS 7,3%). I test di concentrazione plasmatica standard del farmaco hanno mostrato un’aderenza del 100% rispetto al 33% rispettivamente dei gruppi AiCure e di controllo.

È interessante notare che la differenza nell’aderenza cumulativa tra AiCure e i gruppi di controllo in base al numero di pillole non era così drastica come la differenza osservata con i test di concentrazione plasmatica del farmaco sia per l’intero gruppo di studio che per il solo gruppo DOAC (tutti i pazienti: 97,2% contro 90,6% ; Solo DOAC: 96,4% contro 90,9% rispettivamente per i gruppi AiCure e di controllo). Ciò riflette l’importanza di confermare l’aderenza al punto di somministrazione quando gli esami del sangue regolari non sono fattibili sia dal punto di vista pratico che finanziario.

Sebbene questo studio fornisca preziose informazioni relative ai pazienti con ictus ischemico, i suoi risultati possono essere estesi ad altre condizioni che richiedono un’elevata aderenza ai farmaci. In effetti, il valore di AiCure è stato testato in una serie di aree terapeutiche tra cui la schizofrenia, ed è stato identificato come un potenziale strumento per ridurre al minimo la non aderenza negli studi clinici. Tuttavia, le prove per AiCure finora sembrano provenire da studi su piccola scala e sono garantiti studi con campioni di dimensioni maggiori. Nel complesso, sembra una buona soluzione per i pazienti che vogliono stare bene ma hanno bisogno di una piccola spinta.

Questo articolo è originariamente apparso su iMedicalApps.com.

L’app per l’algoritmo di osteoporosi 2016 dell’American Association of Clinical Endocrinologists è completa, prodotta da una fonte affidabile ed è una bella aggiunta sia a iOS che ad Android per i fornitori che trattano pazienti con / a rischio di osteoporosi.

Tuttavia, l’AACE è parzialmente finanziato da numerose aziende farmaceutiche e l’app ricorre all’uso di opinioni di esperti e / o consenso quando non sono disponibili prove chiare. Alcune delle raccomandazioni pratiche sono in opposizione a quelle di altri gruppi tra cui USPSTF, AAFP e ACP.

Il fornitore informato dovrà decidere quanto aggressivamente intende seguire gli slim4vit algoritmi descritti nell’app. L’app contiene passaggi algoritmici semplici da seguire che molti provider troveranno molto utili.

Piace

Interfaccia utente reattiva con algoritmi incorporati e sezione di riferimento rapido Contenuti completi e ben referenziati che coprono un’ampia gamma di argomenti sull’osteoporosi Algoritmi facili da seguire e consigli sul trattamento Disponibile per Android

Non mi piace

Alcune raccomandazioni sono chiaramente opinioni di esperti / consensuali L’AACE è parzialmente finanziato da varie compagnie farmaceutiche Non ci sono limitazioni di responsabilità finanziarie, ma i documenti online mostrano conflitti di interesse

Dichiarazione di non responsabilità: le opinioni espresse sono quelle degli autori e non riflettono la politica ufficiale del Dipartimento dell’esercito, del Dipartimento della difesa o degli Stati Uniti.